Giorgio Andreotta Calò

Sensibile artista concettuale della generazione dei nati attorno al 1980, Giorgio Andreotta Calò adotta un bagaglio di soluzioni tecniche ed espressive che rimandano alle ricerche concettuali e processuali degli anni Sessanta e Settanta. L’artefatto, l’oggetto ricontestualizzato e gli interventi ambientali restano come la traccia documentaria di azioni solitarie e di ricerche antropologiche.