Questo blog nasce come un modo per riorganizzare e dare una forma fruibile al materiale e alle conoscenze sull’arte e gli artisti contemporanei raccolti negli ultimi anni attraverso la visita a mostre, fiere d’arte, biennali ed altre rassegne, leggendo libri e riviste, lavorando a contatto con artisti, collezionisti ed esperti del settore.

Il panorama italiano vede ancora molte ottime pubblicazioni periodiche, cartacee o online, che consentono di seguire e comprendere quelle che sono le tendenze dell’arte, i lavori più interessanti e le personalità di riferimento in Italia e nel mondo. Tuttavia nella sconfinata proposta e continua sperimentazione, e tra le migliaia di artisti che espongono in sedi più o meno prestigiose, la rivista ha il pregio e il limite di essere spesso troppo legata all’evento, perdendo una dimensione di analisi più ampia e una certa capacità selettiva. Viceversa, alcune pubblicazioni di carattere saggistico hanno cercato di fare chiarezza, riscontrando le diverse linee di ricerca delineatesi: in alcuni casi la critica è stata illuminante, in altri l’assenza della giusta distanza temporale ha fatto apparire certe analisi premature e palesato distorsioni, promesse disattese, ricerche interrotte.

Il blog mi è sembrato il migliore strumento di studio: presentare uno dopo l’altro gli artisti che negli ultimi dieci/quindici anni sono stati presenze ricorrenti sulla scena dell’arte mondiale, con lavori che hanno mantenuto alta la qualità e l’originalità, è frutto di una prima operazione di selezione; la condivisione di informazioni e riflessioni implica di per sé una fase di sistemazione, approfondimento e confronto; integrare e aggiornare continuamente i contenuti di questa ricerca consentirà una verifica costante e manterrà aperta e fluida la trattazione.

Principalmente sono trattati artisti nati tra gli anni Settanta e Ottanta, con la presenza di figure più anziane che però hanno raggiunto la piena maturità espressiva o, più prosaicamente, la fama solo dopo il 2000. E naturalmente il gusto e l’interesse personale determineranno alcune scelte, ordine e livello di approfondimento della trattazione. Come è giusto e naturale che sia.