Berlinde de Bruyckere, Aletheia on-vergeten, 2019

Berlinde de Bruyckere

La metamorfosi, l’ibridazione, la morte e la decomposizione sono le forze potentissime e terribili che informano l’arte di Berlinde de Bruyckere. Il carattere perturbante che trasuda dalle sue sculture evoca il fascino perverso ed erotico di thanatos, della morte intesa come trasformazione, motore perenne dell’esistenza. La materia è congelata nell’istante di trasformazione tra l’organico e l’inorganico, tra il vegetale e il minerale, l’animale e l’umano; così lo sguardo rivolto sul liminale e sul transeunte rivela la vita in tutte le sue possibili manifestazioni.