Pedro Reyes

I lavori di Pedro Reyes si confrontano con le questioni sociali e politiche del presente e sono, sempre più spesso, progetti su larga scala che impiegano diversi media come scultura, performance, video, teatro di figura e pratiche partecipative: la crisi alimentare, la politica internazionale, i mali tipici della società occidentale, il lato oscuro dello sviluppo tecnologico, la diffusione delle armi da fuoco.

Gabriel Kuri

Se l’oggetto è al centro della ricerca di moltissimi artisti contemporanei, nessuno come Gabriel Kuri esplora tutte le possibili implicazioni formali e concettuali della presentazione, assemblaggio e riproduzione di elementi del quotidiano. Il correlativo oggettivo rimanda qui a situazioni familiari, azioni quotidiane, interazioni umane, rapporti di scambio e produzione, storia del consumo.

Teresa Margolles

L’arte di Teresa Margolles è una riflessione commovente e coinvolgente sulla violenza e sulla morte e su come queste sono in grado di sconvolgere la rete di rapporti umani. La denuncia, finalizzata a sensibilizzare il pubblico, ricorre ai potenti strumenti di un’arte che lavora sul piano fisico e mentale, sensoriale ed emotivo, e che ci mette di fronte alla morte in modo inaspettatamente diretto e brutale.

Damián Ortega

La pratica artistica di Damián Ortega consiste nell’utilizzo di oggetti legati alla vita quotidiana e all’immaginario comune delle persone e nel sovvertirne funzione e significato. Il processo è pervaso da una sottile ironia e da un acuto spirito critico che porta l’artista a parlare con intelligenza e leggerezza anche delle grandi tematiche dell’attualità.